DIAGNOSI ENERGETICA

diagnosi-energetica

La Diagnosi Energetica

La diagnosi energetica, secondo la definizione fornita dalla Direttiva europea 2012/27/UE è “una procedura sistematica finalizzata a ottenere un'adeguata conoscenza del profilo di consumo energetico di un edificio o gruppo di edifici, di una attività o impianto industriale o commerciale o di servizi pubblici o privati, a individuare e quantificare le opportunità di risparmio energetico sotto il profilo costi-benefici e a riferire in merito ai risultati”.

In sintesi, lo scopo della diagnosi energetica è il raggiungimento di una conoscenza approfondita del comportamento energetico reale dell’Organizzazione in esame.

Si tratta di un documento tecnico che riporta in maniera dettagliata i profili di consumo in condizioni di esercizio, individuando in modo affidabile le possibili opportunità di miglioramento per l’efficienza energetica.

Gli attori della filiera dell’efficienza energetica

Attualmente, in Italia, i principali attori coinvolti nel campo dell’efficienza energetica sono: ESCO, Energy Managers, grandi distributori di energia, EGE.

Una ESCO è in grado di proporre una vasta serie di soluzioni volte a rispondere al meglio alle esigenze del Committente. Le società di servizi energetici (ESCO) operano eseguendo diagnosi energetica, studio di fattibilità, progettazione degli interventi, e curando sia la fase di realizzazione sia quella di manutenzione e gestione.

La competenza della ESCO è messa al servizio del Cliente attraverso specifici modelli contrattuali (Energy Performance Contracting, EPC), o ricorrendo al finanziamento tramite terzi (FTT).

MCQUADRO è una società accreditata ESCO - Energy Service Company – con certificato Bureau Veritas No. IT272007, in grado di condurre diagnosi energetiche seguendo le procedure dettate nelle norme tecniche UNI TR 11428 e UNI EN 16247.

Gli obblighi di Legge

Ai sensi dell’art. 8 del D. Lgs. 102/2014, recepimento della direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica, le grandi imprese sono tenute ad eseguire una diagnosi energetica entro il 5 dicembre 2015 e successivamente ogni 4 anni, in conformità ai dettami di cui all'allegato 2 al decreto.

Per grandi imprese si intendono aziende che occupano più di 250 persone o, in alternativa, il cui fatturato annuo supera i 50 milioni di euro e il totale di bilancio supera i 43 milioni di euro/anno.

Tale obbligo è soddisfatto qualora le aziende abbiano adottato un sistema di gestione ISO 50001 o EN ISO 14001, a condizione che il sistema di gestione includa un audit energetico realizzato in conformità ai dettami di cui all'allegato 2 al su citato decreto.
I risultati di tali diagnosi devono essere comunicati all'ENEA (in modo congiunto all’ISPRA in caso di adozione di sistema di gestione EMAS) ai fini della creazione di una banca dati.

L'ENEA svolge controlli per accertare la conformità delle diagnosi alle prescrizioni del decreto, su almeno il 3% delle aziende obbligate e sul 100% delle diagnosi svolte da auditor interni all'impresa.

In caso di inottemperanza si applica la sanzione amministrativa:
- da 4.000 € a 40.000 € in caso di mancanza di diagnosi;
- da 2.000 € a 20.000 € per diagnosi non in conformità con i dettami di cui sopra.

Gli “obblighi” dell’Azienda

Richiedere una diagnosi energetica è il primo passo per pianificare efficaci strategie di risparmio economico sia per le PMI che per aziende di grandi dimensioni.

La presa di coscienza dei consumi è praticamente un “obbligo” per l’Azienda lungimirante che, grazie all’indagine condotta, potrà individuare interventi per la razionalizzazione dei flussi energetici e soluzioni impiantistiche più performanti.

In altre parole, la riduzione del fabbisogno energetico, a parità di quantità e qualità del prodotto/servizio erogato, si traduce per l’impresa in maggiore competitività, migliore allocazione delle risorse economiche, prestigio della propria immagine verso i clienti quale azienda virtuosa e dedita al rispetto per l’ambiente.

La realizzazione di una diagnosi energetica ottimale

Realizzare una diagnosi energetica richiede competenze, applicazione di metodo ed esperienza. Solo chi è in possesso di tali requisiti può condurre una diagnosi “scientifica” che produca risultati sufficientemente rappresentativi ed utilizzabili.

Le principali fasi di una diagnosi sono:
sopralluogo presso gli impianti produttivi e analisi tecnica delle strutture;

raccolta e studio dei documenti a disposizione dell’azienda: bollette, schemi di impianto, planimetrie, mappature di macchinari e motori, schema di flusso delle lavorazioni, ecc.;

misurazione sul campo dei principali parametri energetici, tipicamente elettrici e termici;

interviste mirate al personale tecnico riguardo ai cicli di lavoro e all'utilizzo effettivo di macchinari e servizi ausiliari (diagrammi di carico, ore di marcia dei motori, ecc.);

aggregazione delle informazioni raccolte e prima elaborazione dei dati;

redazione del Bilancio Energetico Aziendale (costruzione dei modelli elettrico e termico), si tratta di un documento tecnico che individua le aree di maggiore impatto dal punto di vista energetico sulle quali è opportuno e conveniente intervenire;

definizione degli Indicatori di Performance Energetica, sono indici che permettono il confronto con aziende di settore analogo prese a riferimento per i ridotti consumi (benchmark), e il monitoraggio delle prestazioni nel tempo;

elaborazione di una strategia per gli interventi di efficientamento realizzabili secondo un criterio di priorità dettato da valutazioni economico-finanziarie (analisi costi-benefici). Gli interventi possono consistere sia in modifiche di tipo comportamentale (atte a ridurre gli sprechi), sia nella integrazione/sostituzione di apparecchiature obsolete con altre tecnologicamente evolute e maggiormente efficienti. Interventi più complessi possono essere di natura impiantistica (recupero di calore dai cascami termici, riorganizzazione del layout d’impianto, uso di fonti rinnovabili, ecc.), o anche di tipo strutturale;

redazione e illustrazione alla Dirigenza di una relazione finale contenente i dati che caratterizzano il profilo dei consumi dell’Azienda, e che definisce le opportunità di risanamento da mettere in atto per l’incremento nell’efficienza.

Il ruolo di MCQUADRO

Se la tua Azienda deve ancora adempiere all’obbligo di diagnosi energetica o se desideri sapere quali interventi di efficientamento è possibile realizzare nella tua Attività per contenere la spesa per l’energia, contattaci senza impegno.
Sapremo individuare le soluzioni più adatte.

Oggetto Richiesta:


Descrivi in poche parole il lavoro da realizzare:



Leggi la nostra Politica sulla privacy

 Acconsento al trattamento dei dati personali


captcha