I sardi producono sempre più energia pulita; in aumento anche le aziende green

 

La Sardegna punta sulle rinnovabili

 

Solare fotovoltaico, eolico, idroelettrico, ma anche biomasse. In Sardegna viene prodotta sempre più energia pulita da fonti rinnovabili. Per ogni abitante dell’isola sono infatti 2.123 i kWh (kilowatt/ora) generati.
Un dato in forte crescita che colloca la regione sarda al sesto posto in Italia, arrivando dopo Valle D’Aosta, Basilicata, Molise, Puglia e Toscana.
Secondo quanto si legge nel dossier elaborato dall’Osservatorio per le Pmi di Confartigianato imprese Sardegna, in quattro anni la produzione di energia green nell’isola è aumentata di +760 kWh, passando da 1.363 del 2013 a 2.123 del 2017.
Il settore eolico risulta essere quello con una produzione di energia maggiore con 1.005 kWh generati, cui seguono il fotovoltaico con 612 kWh e le biomasse con 355 kWh.

 

Resistono le imprese del settore

Nonostante il periodo di crisi attraversato in questi anni, le aziende del settore green che si occupano di realizzazione, montaggio e manutenzione di impianti, sono oltre 2.500.
La maggior parte di esse si trova nella provincia di Cagliari (1.130 aziende), cui seguono le province di Sassari (840 aziende), Nuoro (339 aziende) e Oristano (201 aziende).

“Nonostante la crisi e le incertezze legate al drastico ridimensionamento degli incentivi statali per le rinnovabili, nella nostra isola cresce la produzione e reggono bene anche le aziende legate ai servizi, alla manutenzione degli impianti e alla generazione dell’energia stessa” – sostiene Stefano Mameli, segretario di Confartigianato imprese Sardegna.
“Ciò fa bene all’ambiente e all’economia, – continua Mameli – i numeri sottolineano la vivacità di un comparto che punta sull’eco-efficienza e che offre grandi potenzialità di sviluppo alle piccole imprese, sia in termini di innovazione, sia del mantenimento dei posti di lavoro”.

 

 





Iscriviti alla Newsletter di Mcquadro e Rimani aggiornato




Seguici su Facebook