Quanto si potrebbe risparmiare tenendo il termostato di casa a 19° invece dei classici 20°?

Rispondere universalmente e in maniera precisa a tale domanda non è certamente possibile, quello che possiamo fare è fornire delle stime molto semplici che possano far comprendere di cosa stiamo parlando. Come stare caldi in casa risparmiando? Spieghiamo innanzitutto perché è impossibile fornire una risposta esatta e puntuale. Il motivo è da ricercarsi nel grande numero di fattori che influenzano la stima e possiamo elencare: classe energetica dell’edifico e quindi isolamento termico dell’immobile (cappotto termico, infissi, …), salto termico tra la temperatura interna e quella esterna, tipologia di generatore di calore utilizzato per scaldare l’immobile, esposizione dell’immobile, nonché le abitudini e gli usi degli inquilini dello stesso.

Facendo riferimento esclusivamente al salto termico tra interno ed esterno, possiamo affermare che, a parità di caratteristiche dell’immobile, se la temperatura esterna è di 0 °C (periodo invernale) il salto termico sarà di 19 °C invece di 20 C°, per cui il risparmio sarà di circa il 5%. Invece se la temperatura esterna dovesse essere di 16 °C (mezza stagione) il salto termico sarà di 3 °C invece di 4 °C, per cui il risparmio sarà del 25%. Questa seconda casistica non deve trarre in inganno perché in termini percentuali si ha certamente un risparmio apparentemente elevato ma la quantità di energia complessivamente richiesta è certamente minore se confrontata con la prima casistica.

Come detto non dobbiamo dimenticare che l’eventuale risparmio dipende da altri fattori tra i quali la dispersione termica dell’edifico che a sua volta dipende anche dal tipo di parete e nello specifico dalla sua tendenza allo scambio di energia termica. Si avrà che passando da una parete con un k=1 (fattore relativo alla tendenza allo scambio di energia termica) ad una con cappotto termico e quindi ipoteticamente con k=0,3 si avrà un risparmio del 70% ed è facile comprendere che l’incidenza, in termini di risparmio, del singolo grado di differenza (tra 19 °C e 20 °C) si riduce, così come l’incidenza della temperatura esterna.

Come stare caldi in casa risparmiando? Quello che possiamo dire quindi è che risulta certamente molto importante ridurre al minimo necessario la temperatura da impostare nei nostri termostati di casa (anche solo per motivi etici) ma se si vuole risparmiare veramente senza rinunciare al confort allora le soluzioni da adottare possono essere:

  1. dotarsi di una buon cappotto termico e buoni infissi;
  2. dotarsi di un generatore di calore di ultima generazione in grado di farci risparmiare sul combustibile (caldaia a pellet di ultima generazione a bassissima emissione di inquinanti, caldaia a gas a condensazione di ultimissima generazione classe A);
  3. dotarsi di impianti solari alimentatati ad energia rinnovabili in grado di aiutarci anche nel riscaldamento degli ambienti (impianti solari termici per produzione di acqua calda e integrazione al riscaldamento).

Possiamo aiutarti nella ricerca della soluzione migliore per il tuo caso.




Noi di Mcquadro Srls siamo una E.S.Co – Energy Service Company certificata UNI CEI 11352, un’azienda che risponde alla crescente richiesta del mercato di nuove tecnologie legate al settore delle rinnovabili e del risparmio energetico. Operiamo nel Lazio.

Se hai intenzione di acquistare un impianto fotovoltaico, un solare termico, una pompa di calore per il riscaldamento od una caldaia a pellet, contattaci, troveremo una soluzione adatta alle tue esigenze, utilizzando al meglio gli incentivi statali.

Iscriviti alla Newsletter, Rimani aggiornato


Apri WhatsApp
1
Chiedi su WhatsApp
Salve, benvenuto da Mcquadro Srls.
Vuoi chiederci qualcosa su WhatsApp ?
Powered by